Cordedrago realizza varie tipologie di corde, basandosi sulla documentazione storica, sulla letteratura scientifica sull'argomento, sull'iconografia musicale, sugli esemplari superstiti conservati presso musei e collezioni pubbliche e private, ma soprattutto sulla sperimentazione diretta.

E' proprio dal confronto tra teoria e pratica di bottega che sono emerse contraddizioni tra quanto affermato da alcuni studiosi e la realtà effettiva, come nel caso della confusione tra Catlines di Bologna (usualmente definite Venice catlines dal luogo di commercializzazione) e Cordoncini di Roma, come si dirà nelle singole voci.

La messa a punto dei vari modelli è stata inoltre resa possibile grazie alla collaborazione di musicisti professionisti che hanno contribuito con le loro critiche ad eliminare i difetti e ad ottenere la migliore resa sui vari strumenti.

Per questo motivo è essenziale mantenere un rapporto diretto col musicista, per offrire un servizio su misura, per così dire "sartoriale".

Si è scelto infine di connotare le varie tipologie di corde in budello con l'indicazione della città di produzione tradizionale, perché così si faceva anche in antico.

Il sito utilizza cookie per l'analisi degli accessi al sito (Google Analytics). Acconsenti all'uso dei cookies?
Vedi la Cookie Policy No