La produzione di Cordoni a Roma, nel '600, è documentata da numerosi atti testamentari di cordai romani, raccolti da Patrizio Barbieri, ma finora era ignoto come fossero realizzati: si sapeva solo che erano destinati ai bassi degli strumenti musicali.

E’ stato solo grazie al mio caro amico Adrien Alix, gambista e contrabbassista, che sono venuto a conoscenza di un documento di fine '500, di argomento peraltro estraneo alla corderia storica, in cui incidentalmente l'autore spiega come erano fatti i cordoni: due soli capi, ma ritorti al massimo.

In realtà il documento non dice tutto, e vi è un segreto supplementare che ovviamente non posso rivelare, grazie al quale si possono realizzare corde identiche a quelle dei pochi esempi iconografici superstiti, ossia caratterizzate da una superficie non liscia, ma con la torcitura dei budelli in forte rilievo: è solo grazie a tale segreto che i Cordoni di Roma possono diventare dei bassi competitivi con le successive corde filate in argento, sia per potenza sia per prontezza d’attacco e sonorità.

In conclusione si tratta di corde adatte per chi voglia eseguire la musica barocca in maniera rigorosamente storica, senza rinunciare per i bassi ad un suono potente e ricco.

Non saprei dire se sono meglio i Cordoni di Roma o quelli da me inventati, i Cordoni Cordedrago, che sono veramente potenti e ricchi timbricamente anche quando sono grossissimi.

Posso solo consigliare i Cordoni di Roma a chi voglia veramente sentire come suonavano gli strumenti prima dell'invenzione delle corde filate, anche per sperimentarne i limiti teorici di formato dello strumento e le possibilità tecniche e virtuosistiche, ossia per esigenze specificamente filologiche. Tuttavia anche la qualità di suono è ottima, soprattutto, come dicevo, per le corde di transizione come il DO della viola da gamba.

Per le corde più grosse continuo forse a preferire i miei cordoni Cordedrago, per la loro potenza e profondità, ma anche quelli di Roma funzionano benissimo, ed ho già avuto notevoli apprezzamenti dai primi clienti che li hanno provati.

Il sito utilizza cookie per l'analisi degli accessi al sito (Google Analytics). Acconsenti all'uso dei cookies?
Vedi la Cookie Policy No